“nu simu skunchiuruti”,

un gruppo, o meglio una banda proveniente da un piccolo villaggio alle pendici dell’Aspromonte meridionale, Cataforio.
Otto elementi che offrono un repertorio di “suonate a ballo” , canti tradizionali, passando dalla canzone folk “da bancarella” con l’utilizzo di strumenti della tradizione popolare: chitarra battente, lira, organetto, zampogna, tamburello e una “Tubbiana” (cassa,tamburo,piatti) dai ritmi travolgenti che accompagna il tutto.
Otto “scunchiuruti” nel senso “catafuroto” del termine, di persona sconclusionata, che non gli importa di trarre le dovute conclusioni; una banda, dunque, lontana dalle logiche da palcoscenico e nostalgici tentativi di riproposta.
Nessun musicista ma otto “sonaturi”. Non per assistere a uno spettacolo, ma per la semplice voglia di far festa e di ballare.
Dal 3 al 5 gennaio se volete ballare vi aspettiamo a Cataforio con Ustegg
info : http://www.ustegg.it/

Post correlati

Rispondi

Facebook

Twitter

Google Plus

YouTube

Instagram

Follow Me on Instagram